Passa ai contenuti principali

Poeti e la guerra (I)

Riguardo alla guerra la nella cultura italiana ci sono posizioni molto differenti: Dal 1880 in poi c'è un crogiolo di movimenti e di posizioni personali. Alcuni erano neutrali, 
  • la Voce era interventista "L'uomo deve ritrovare la propria autenticità, ora siamo troppo raffinati."
  • Le teorie di selezione della razze e le previsioni di Malthus erano la bandiera ideologica del Futurismo. 
  • Pascoli, ispirato dalle ragioni del Socialismo umanitario era interventista
  • Slataper e Ungaretti erano nazionalisti, con l'idea di una Quarta Guerra d'Indipendenza.
  • Il primo aveva concluso così il suo  romanzo "Il mio Carso" "Simile al filo d’erba del Carso che ha spaccato la roccia per spuntare, egli con l’acquisita coscienza della misteriosa negatività dell’esistenza, riprende il cammino, per inserirsi attivamente e solidalmente nella vita della comunità civile: Noi vogliamo amare e lavorare» [leggi]
    Il Carso è un luogo alto, da asceti, arido solo in apparenza, è un luogo buono, da imitarsi. Una posizioni di "lisi" come quella di Renato Serra che non credeva che essa avrebbe portato un mutamento totale e sulle colonne della Voce scriveva , nel 1915 "la guerra non mi riguarda, è un fatto come gli altri.


Post popolari in questo blog

Tempus est iocundum, o virgines...

Progetto Pirandello 
1. Per lunedì vi guardate la puntata:
I grandi della letteratura italiana Luigi Pirandello

2. cliccando qui dovreste essere in grado di inserire una domanda sul quiz Ei Fu dedicato a Mattia Pascal. Poi mercoledì lo facciamo in classe.

http://www.triventy.com/shared/edit/76237



Strumenti per Tesine Grafica moderna in poco tempo
https://spark.adobe.com/
Suite di strumenti costituita da tre applicazioni per la creazione, la pubblicazione e la condivisione sul web di contenuti digitali.Adobe Spark Post: testo + grafica, utile per creare oggetti grafici e grafica per i Social Media come Facebook, Twitter, Instagram, etc. Grazie a Post è possibile realizzare Meme, Poster, Banner, Copertine, Annunci e Inviti, Citazioni, etc.Adobe Spark Page: testo + immagini + video + link, ottimo strumento per creare Storie e Documenti. Con Adobe Page è possibile realizzare Porfolio, Presentazioni, Narrazioni stile digital storytelling, Diari di apprendimento, Relazioni, Catloghi e Repertor…

Lezione V: Primi documenti e primi testi in volgare

Tra latino e italiano: i primi documenti in volgare (da Luzappy.eu e altri) La frantumazione politica dell’Impero romano non distrusse la cultura lati­na, intesa qui come lingua quotidiana; aggiunse invece elementi nuovi, per trasformare sempre più, nonostante la volontà frenante della scuola e dei grammatici, il sistema linguistico. Anche i Longobardi furono veicolo di novità, fin quando nel 774 Carlo Magno li sconfisse, per poi rifondare l’impero, volendo ricom­porre l’unità politica, religiosa, culturale (e, perciò, linguistica). Ma una lingua non si impone; il popolo, disperso nelle campagne dei feudatari o accolto nelle corti, continuò a sentire sempre più incomprensibile il latino, che proprio per la riforma carolingia, diventava «altra lingua» rispetto a quella parlata dalle masse ed ormai era soltanto la lingua ufficiale della Chiesa e del Palazzo imperiale. 
Il Concilio di Tours (813) prese coscienza della diversità della lingua del popolo, quando raccomandò ai vescovi la pre…

Vita quotidiana nell'antico Egitto

Questa è la stagione Akhet, il tempo delle piene. Questo è il regno di Ramesse III e la vita, qui a Karnak è sempre più dura.
Sono uno scriba, ma so com’è la vita di un lavoratore. I miei genitori erano contadini, ricordo a malapena la mia infanzia, e, per quel poco che rammento non ho bei ricordi.
Non avevamo soldi poiché il raccolto fatto dai miei genitori, e da tutti gli altri contadini veniva confiscato dallo Stato.
Non godevamo della bella vita che facevano i faraoni con tavole piene di carne, vino e birra, per noi l’alimentazione era scarsa e questo portava a malattie come l’epatite.
I miei genitori morirono quando io e i miei fratelli eravamo ancora piccoli. Ci separarono, mi adottò una famiglia benestante, che mi diede la possibilità di andare a scuola e diventare quello che sono oggi, uno scriba.
Da allora non so più niente dei miei fratelli, non so se sono vivi o morti, se sono sposati e se hanno figli.
Mi piaceva andare in giro per la città di Akhet, avevo familiarizzato con la g…