Passa ai contenuti principali

Post

La propaganda Augustea e le pietre di Urbs Salvia

From La classe perfetta : La propaganda Augustea:

Livia, sono gli occhi tuoi pieni che mi hanno folgorato un pomeriggio andato al cimitero del Verano. Si passeggiava, io scelsi quel luogo singolare per chiederti in sposa – ti ricordi? Sì, lo so, ti ricordi. Gli occhi tuoi pieni e puliti e incantati non sapevano, non sanno e non sapranno, non hanno idea. Non hanno idea delle malefatte che il potere deve commettere per assicurare il benessere e lo sviluppo del Paese. Per troppi anni il potere sono stato io. La mostruosa, inconfessabile contraddizione: perpetuare il male per garantire il bene. La contraddizione mostruosa che fa di me un uomo cinico e indecifrabile anche per te, gli occhi tuoi pieni e puliti e incantati non sanno la responsabilità. La responsabilità diretta o indiretta per tutte le stragi avvenute in Italia dal 1969 al 1984, e che hanno avuto per la precisione 236 morti e 817 feriti. A tutti i familiari delle vittime io dico: sì, confesso. Confesso: è stata anche per mia c…
Post recenti

L'Africa e la Mondializzazione

Le migrazioni che hanno fatto la storia

Io Khaled, vendo uomini e sono innocente, (da Zapping, Radio 1 del 22/1/2019 minuti 20-40)

Le migrazioni che hanno fatto la storia (Antonio Brusa, Recanati, 2010 by on Scribd


Analizza l'immagine e rispondi alle domande seguenti:
Qual è il problema analizzato nell'immagine?Cosa indicano la direzione e lo spessore delle frecce?Perché gli autori hanno usato una rara proiezione cilindrica polare?Qual è il messaggio sotteso alla prima immagine?Qual è il messaggio sotteso alla seconda immagine? 

per approfondire:
Polyhedral Projections Improve the Accurately of Mapping the Earth on a 2D Surface Unfolding the Earth: Myriahedral Projections

https://lynceans.org/tag/authagraph/
Gli orizzonti della mondializzazione (Alain de Benoist - 2007)
Le migrazioni che hanno fatto la storia (Antonio Brusa, Recanati, 2010)

Editto dei prezzi massimi del 301

Nel 301, cioè nel diciottesimo anno di regno, Diocleziano si decide a emettere uno dei provvedimenti più articolati del suo principato e lo fa con il consenso degli altri tre tetrarchi che, infatti, compaiono tra i firmatari della legge: si tratta del celeberrimo edictum de pretiis rerum venialum, cioè della legge sui prezzi delle merci. Questo testo ha un'innegabile valore storico, al di là degli effetti che produsse, giacché fotografa, involontariamente ma necessariamente, la realtà economica dell'impero nelle sue varietà merceologiche, nel numero, la retribuzione e la forma degli emolumenti dei diversi mestieri artigiani, nel numero dei porti e degli scali marittimi e delle rotte commerciali.
Insomma fornisce una messe di notizie davvero notevole, notizie che possono essere usate anche retrospettivamente. Diocleziano e i suoi colleghi censiscono tutto.

Le unità di misura utilizzate sono, solitamente, il modium castrense, per i prodotti agricoli, la libbra per quelli alimen…

GSMA02 Le vie di comunicazione marine

Stampa la scheda di catalogazione dei documenti  del modulo GSMA

Leggi e stampa tutti i documenti del modulo GSMA

Due modi di navigare
L'appropriazione degli spazi marini da parte dei Greci e dei Fenici è caratterizzata dalla repentina creazione di collegamenti da una sponda all'altra del Mediterraneo, nord-sud, ma soprattutto est-ovest. Il regime dei venti e delle correnti ha profondamente condizionato la navigazione antica e le sue rotte, dando luogo a due distinti ambiti: 
- L'esistenza sottocosta di correnti e controcorrenti, unite all'alternanza di brezze di terra e di mare, favoriva la navigazione di cabotaggio. Era una navigazione lenta e di piccolo tonnellagio, a relativamente sicura e possibile durante tutti i medi dell'anno. Il pericolo maggiore erano i pirati, il limite è che realizzava solo collegamenti locali, non quei collegamenti tra aree distanti che ci appaiono come il motore dello sviluppo europeo.
- la navigazione d'altura e consentiva i colleg…

GSMA01 - L'ambiente, le risorse e il paesaggio

Stampa la scheda di catalogazione dei documenti  del modulo GSMA

Leggi e stampa tutti i documenti del modulo GSMA

Pesca - Il Mediterraneo non è un mare particolarmente pescoso, perché è subito profondo e non ha quello zoccolo continentale sul quale si depositano o sedimenti organici. C'erano comunque zone particolarmente favorevoli nella zona dei banchi e alla foce dei grandi fiumi, dove la mescolanza di acque dolci e salate favoriva il popolamento delle acque. L'unica pesca redditizia era quella del tonno. La scarsa redditività della pesca ha fatto sì che il Mediterraneo fosse,  nel "Continente Antico", soprattutto uno spazio commerciale e una via di comunicazione
Agricoltura - Orticoltura e la triade: vite, frumento, ulivo.

Allevamento -  La Transumanza

Un mondo di città.... - Polis greche e fenicie, città etrusche etc.. La prima descrizione di queste città antiche la troviamo nell'Odissea [T01]
"[…] Ma come in vista della città arriveremo - un muro la cinge,  al…

GSMA03 Geografia storica del mondo antico (GSMA): Venti caratteristici del Mediterraneo

[da maxdeep.it ] In relazione alla sua posizione geografica, alla forma delle coste ed alla natura delle terre che lo circondano - in gran parte montuose o desertiche - il Mediterraneo presenta in molte sue zone dei venti caratteristici, dotati ciascuno di una propria particolare fisionomia e normalmente associati a determinate condizioni di tempo. Tali venti, per i più¹ notevoli dei quali viene appresso una breve descrizione, sono di solito chiamati con nomi di antica origine, che, in certi casi, furono anche assunti tradizionalmente, in Italia, per designare alcune direzioni della rosa dei venti. E' questo il caso, ad esempio, del Grecale e del Libeccio, i cui nomi furono introdotti dai naviganti delle antiche repubbliche marinare italiane (più probabilmente di Amalfi) per indicare, con riferimento ad una zona centrata a sud dello Ionio, i venti provenienti dalla direzione della Grecia e della Libia.

Vendavales - Sono venti forti invernali che spirano da SW sull'estremità oc…