Passa ai contenuti principali

Post

Visualizzazione dei post da Novembre, 2013

Vita quotidiana nell'antico Egitto

Questa è la stagione Akhet, il tempo delle piene. Questo è il regno di Ramesse III e la vita, qui a Karnak è sempre più dura.
Sono uno scriba, ma so com’è la vita di un lavoratore. I miei genitori erano contadini, ricordo a malapena la mia infanzia, e, per quel poco che rammento non ho bei ricordi.
Non avevamo soldi poiché il raccolto fatto dai miei genitori, e da tutti gli altri contadini veniva confiscato dallo Stato.
Non godevamo della bella vita che facevano i faraoni con tavole piene di carne, vino e birra, per noi l’alimentazione era scarsa e questo portava a malattie come l’epatite.
I miei genitori morirono quando io e i miei fratelli eravamo ancora piccoli. Ci separarono, mi adottò una famiglia benestante, che mi diede la possibilità di andare a scuola e diventare quello che sono oggi, uno scriba.
Da allora non so più niente dei miei fratelli, non so se sono vivi o morti, se sono sposati e se hanno figli.
Mi piaceva andare in giro per la città di Akhet, avevo familiarizzato con la g…

Mesopotamia 5 - Note al codice di Hammurapi

Il Codice di Hammurabi, scoperto dall'archeologo francese Jacques de Morgan, è una fra le più antiche raccolte di leggi. Si conoscono altre raccolte di leggi promulgate da re sumerici e accadici, ma non sono così ampie ed organiche. Venne stilato durante il regno del re babilonese Hammurabi (o Hammu-Rapi), che regnò dal 1792 al 1750 a.C., secondo la cronologia media. Le disposizioni di legge contenute nel Codice sono precedute da un prologo nel quale il sovrano si presenta come rispettoso della divinità, distruttore degli empi e portatore di pace e di giustizia. [M. Malvolti]
Codice delle leggi di Hammurapi (in Scribd by Michele Mazzieri) con note al codice di Hammurapi contributi di [Lorenzo Monaco] [Claudio Pauri e Maria T. Vallorani ] [Scurri] [Carlotta Baldini e Aurora Domogrossi] [Marina Malvolti e Canori] [P. Nocera e L. Brinoni] [Alessandra Osimani & Alexandra Mirela Bulai] [Orciani-De Bellis]