Passa ai contenuti principali

LEOPARDI: L’UOMO DIETRO LA SCRITTURA

Giacomo Leopardi sarà il protagonista di #LeopardiTw: un gioco di social reading alla scoperta dal lato umano del grande poeta. Dal 19 aprile al 5 maggio, su Betwyll e su Twitter.


Dal 19 aprile al 5 maggio leggiamo e commentiamo insieme sulla app Betwyll e su Twitter una selezione di lettere e opere del poeta di Recanati, attraverso un progetto di social reading ideato da Maddalena Santacroce – attualmente docente di Lettere presso il Liceo C. Rinaldini di Ancona – in Creative Commons con il metodo TwLetteratura e in collaborazione con Casa Leopardi. Scarica la app su cellulare o tablet, fai pratica con il tutorial “Inizio a usare Betwyll” e scrivi i tuoi commenti ai testi interagendo con gli altri lettori della community oppure segui l’hasthag #LeopardiTw su Twitter.


Perché parlare di Leopardi?

Per il senso che seppe dare alla sua vita come risposta alla desolante consapevolezza di un destino di infelicità, qual è quello dell’uomo, quindi come modello per i giovani di oggi in cerca di un senso all’interno di una società quanto mai spersonalizzante e “liquida”. Per la sua straordinaria modernità, a partire dal quindicesimo verso dell’Infinito, che contiene il naufragio nell’oltre per forza d’immaginazione e che, rompendo la tradizione dei 14 versi del sonetto, segna il superamento della “siepe” costituita da secoli di tradizione metrica e stilistica della poesia (come scrive anche Alessandro D’Avenia ne L’arte di essere fragili).
La finalità di questa riscrittura è quella di accostare i lettori innanzitutto all’uomo Leopardi, al poeta che amò la vita e che fu sempre alla ricerca di affetti e umanità a partire dal nucleo famigliare, dove certi valori sembrerebbero scontati. Per questo ci aiuteranno il ritratto di S. Ferrazzi (XIX secolo) – immagine guida del progetto – e alcune epistole scelte tra le 931 lettere che ci sono rimaste. Numerosi sono i destinatari di questo immenso epistolario: tra le lettere più significative ci sono quelle – numerosissime – indirizzate al conte Monaldo, che testimoniano la complessità del rapporto con il padre e al contempo il profondo affetto che Giacomo nutriva per lui. Va detto che le lettere di Leopardi – a differenza di altri autori contemporanei – restano riservate a un ambito strettamente personale e sono caratterizzate da un discorso piano e diretto, affabile e disteso.
Quali opere scegliere?
Dovendo operare una scelta tra l’immensa produzione dell’autore ci siamo ricordati di quanto scrisse Italo Calvino nella Leggerezza a proposito del poeta di Recanati. 

“La luna, appena s’affaccia nei versi dei poeti, ha avuto sempre il potere di comunicare una sensazione di levità, di sospensione, di silenzioso e calmo incantesimo. In un primo momento volevo dedicare questa conferenza tutta alla luna: seguire le apparizioni della luna nelle letterature di ogni tempo e paese. Poi ho deciso che la luna andava lasciata tutta a Leopardi. Perché il miracolo di Leopardi è stato togliere al linguaggio ogni peso fino a farlo assomigliare alla luce lunare. Le numerose apparizioni della luna nelle sue poesie occupano pochi versi ma bastano a illuminare tutto il componimento di quella luce o a proiettarvi l’ombra della sua assenza”.

Per questo proponiamo la lettura di alcuni Canti e di un’operetta, legati dalla presenza di questo magico corpo celeste. 
Il percorso si concluderà con La ginestra, testamento spirituale del poeta che invita gli uomini a unirsi in social catena per affrontare con consapevolezza e dignità le avversità che quotidianamente mettono alla prova l’umanità, e con il suo idillio più famoso e conosciuto, L’Infinito, scelto come omaggio alla terra marchigiana – duramente colpita dal sisma – al cui paesaggio Leopardi si ispirò.

#LeopardiTw: il gioco

La selezione di testi scelti per #LeopardiTw è già online su Betwyll, la nostra app per il social reading, dove sarà possibile leggerli e commentarli con il metodo TwLetteratura: brevi messaggi di 140 caratteri con osservazioni e suggestioni personali ispirate dal testo e accompagnate dall’hashtag del giorno, secondo il calendario di lettura condiviso qui riportato.
  • Il ritratto di Giacomo Leopardi di S. Ferrazzi | 19 aprile (#LeopardiTw/01)
  • Epistola n. 63 a Pietro Giordani | 20 aprile (#LeopardiTw/02)
  • Epistola n. 123 a Monaldo Leopardi | 21 e 22 aprile (…/03)
  • Epistola n. 616 ad Antonietta Tommasini | 23 e 24 aprile (…/04)
  • Epistola n. 856 ad Antonio Ranieri ed epistola n. 934 a Monaldo Leopardi | 25 aprile (…/05)
  • La sera del dì di festa | 26 aprile (…/06)
  • Alla luna | 27 aprile (…/07)
  • Canto notturno di un pastore errante dell’Asia | 28 e 29 aprile (…/08)
  • Il tramonto della luna | 30 aprile (…/09)
  • Dialogo della Terra e della Luna | 1 e 2 maggio (…/10)
  • La ginestra | 3 e 4 maggio (…/11)
  • L’Infinito | 5 maggio (…/12)


Maddalena Santacroce (@maddamoon) – Dopo un’esperienza quasi decennale come redattrice all’interno del GruppoRaffaello, ha iniziato a insegnare nella scuola secondaria di secondo grado e a scrivere testi scolastici. La passione per il mondo classico l’ha portata a contribuire a interessanti iniziative di Archeoclub d’Italia.





Con il metodo TwLetteratura è possibile leggere e commentare collettivamente contenuti culturali attraverso Betwyll e Twitter.

TwLetteratura è il nome del metodo con cui, sfruttando le potenzialità di comunicazione diretta e interazione offerte dai social network, proponiamo la lettura di opere della letteratura, delle arti e della cultura e la loro divulgazione. Questa metodologia è stata sperimentata a partire da gennaio 2012 da Paolo CostaEdoardo Montenegro e Pierluigi Vaccaneo, attorno ai quali si è aggregata una comunità vasta e fidelizzata di diverse migliaia di appassionati e alcune centinaia di ‘riscrittori’ regolari.
La comunità sceglie un libro, lo legge e lo commenta – un capitolo alla volta, in base a un calendario condiviso – ‘riscrivendolo’ su Betwyll (la app per il social reading di TwLetteratura) o su Twitter. Ciascun utente propone la sua interpretazione in forma di twyll e/o tweet (uno o molti, a seconda dell’ispirazione): la riscrittura può essere parafrasi, variazione, commento, libera interpretazione, nonché essere associata a media diversi da quello originale (video, canzoni, disegni). L’uso di registri stilistici differenti – secondo il modello dell’Oulipo – permette di sperimentare infinite combinazioni di decostruzione e ricostruzione del testo di partenza, un sistema di micro-testi prodotti dalla comunità (commentari) in relazione con l’opera di partenza e fra di loro (perché ogni tweet si presta a sua volta a repliche, commenti, aggiunte). Betwyll è l’app di TwLetteratura che permette di applicare tale metodologia in un ambiente più riservato, dove l’utente trova nello stessa schermata il testo da commentare e lo spazio per i commenti, propri e altrui. In questo caso, l’utente propone la sua interpretazione sotto forma di twyll e i progetti a cui l’utente partecipa possono anche essere riservati a un gruppo chiuso di utenti (gli alunni di una classe, gli studenti di un corso universitario, i dipendenti di un’azienda, i partecipanti a un corso di aggiornamento).

Post popolari in questo blog

Il saggio breve

1.Alcune definizioni

Il saggio è: §La trattazione di un tema (letterario, scientifico, sociale, economico, ecc.) compiuta da un punto di vista soggettivo, basata su uno studio rigoroso dell'argomento e su una documentazione adeguata. Contiene una o più tesi che vengono sostenute con argomentazioni ed esemplificazioni. §Un testo argomentativo, nel quale sono presenti parti descrittive ed espositive a sostegno delle tesi sostenute, che ha lo scopo di: -Informare -Convincere -Interpretare. §Oggi è uno strumento molto usato di diffusione di idee e conoscenze in tutti i campi del sapere. Ha spesso un carattere specialistico e alimenta il dibattito culturale e il confronto di idee. §Ha un'estensione e un registro che variano in relazione ai destinatari e alla situazione comunicativa. Si possono comprendere nel genere saggistico: -La monografia di ampio respiro -La tesi di laurea -La tesina scolastica -L'articolo culturale o specialistico -L'articolo di opinione.
2.Breve storia del saggio

Lezione V: Primi documenti e primi testi in volgare

Tra latino e italiano: i primi documenti in volgare (da Luzappy.eu e altri) La frantumazione politica dell’Impero romano non distrusse la cultura lati­na, intesa qui come lingua quotidiana; aggiunse invece elementi nuovi, per trasformare sempre più, nonostante la volontà frenante della scuola e dei grammatici, il sistema linguistico. Anche i Longobardi furono veicolo di novità, fin quando nel 774 Carlo Magno li sconfisse, per poi rifondare l’impero, volendo ricom­porre l’unità politica, religiosa, culturale (e, perciò, linguistica). Ma una lingua non si impone; il popolo, disperso nelle campagne dei feudatari o accolto nelle corti, continuò a sentire sempre più incomprensibile il latino, che proprio per la riforma carolingia, diventava «altra lingua» rispetto a quella parlata dalle masse ed ormai era soltanto la lingua ufficiale della Chiesa e del Palazzo imperiale. 
Il Concilio di Tours (813) prese coscienza della diversità della lingua del popolo, quando raccomandò ai vescovi la pre…

Vita quotidiana nell'antico Egitto

Questa è la stagione Akhet, il tempo delle piene. Questo è il regno di Ramesse III e la vita, qui a Karnak è sempre più dura.
Sono uno scriba, ma so com’è la vita di un lavoratore. I miei genitori erano contadini, ricordo a malapena la mia infanzia, e, per quel poco che rammento non ho bei ricordi.
Non avevamo soldi poiché il raccolto fatto dai miei genitori, e da tutti gli altri contadini veniva confiscato dallo Stato.
Non godevamo della bella vita che facevano i faraoni con tavole piene di carne, vino e birra, per noi l’alimentazione era scarsa e questo portava a malattie come l’epatite.
I miei genitori morirono quando io e i miei fratelli eravamo ancora piccoli. Ci separarono, mi adottò una famiglia benestante, che mi diede la possibilità di andare a scuola e diventare quello che sono oggi, uno scriba.
Da allora non so più niente dei miei fratelli, non so se sono vivi o morti, se sono sposati e se hanno figli.
Mi piaceva andare in giro per la città di Akhet, avevo familiarizzato con la g…