Passa ai contenuti principali

PROGRAMMA 2018/2019


Percorso formativo disciplinare
Disciplina: ITALIANO
classe V B     liceo CLASSICO
Anno scolastico 2017/2018
Prof. MICHELE MAZZIERI

LIBRI DI TESTO
BARBERI SQUAROTTI – AMORETTI - BALBIS
CONTESTI LETTERARI 5 / LEOPARDI, IL REALISMO E IL DECADENTISMO
CONTESTI LETTERARI 6 / LA PRIMA META' DEL NOVECENTO
CONTESTI LETTERARI 7 / DAL SECONDO DOPOGUERRA AD OGGI


1° LEOPARDI
Vita e opere. La modernità di Leopardi. La vita e il “sistema filosofico”. La poetica: Leopardi tra Illuminismo, Classicismo e Romanticismo; la poetica del vago e indefinito; la teoria del piacere. Letture dallo Zibaldone: “Immaginazione e filosofia”, “La noia”, “La teoria del piacere”, “Il vago, l’indefinito”, “Teoria del suono e della visione”

Testi:
·         Epistola n. 63 a Pietro Giordani | 20 aprile (#LeopardiTw/02)
·         Epistola n. 123 a Monaldo Leopardi | 21 e 22 aprile (…/03)
·         dalloZibaldoneTutti i brani antologizzati
·         I Canti: Idilli e Grandi Idilli: “L’infinito”, “Quiete dopo la tempesta” – “Il sabato del villaggio”, “Il canto notturno…”, “A se stesso”, “La Ginestra”
·         Le Operette morali T21 “Dialogo della natura e di un islandese” “Dialogo di un venditore d’almanacchi e….”(http://www.leopardi.it/operette_morali23.php)



2° VERGA E IL SECONDO OTTOCENTO
Le parole-chiave: Naturalismo ePositivismo, Simbolismo, Decadentismo, Classicismo

Linea carducciana e patriottica
Autori popolari e Carducci. Esercizio sulla metrica barbara

Linea del realismo
Il Naturalismo in Europa: Il Naturalismo francese tra Positivismo e Determinismo


Giovanni Verga
Biografia e opere, i primi romanzi. Differenze stilistiche e ideologiche con il Naturalismo.
Novelle Scelte: La formazione, l’adesione al Verismo: da Nedda alla concezione del ciclo dei Vinti. La poetica dell’impersonalità; regressione e straniamento– L’ideale dell’ostrica - pessimismo e negazione del mito del progresso, del popolo e del mondo rurale. Caratteristiche delle raccolte “Vita dei campi” e “Novelle rusticane”.
  • Testi: Prefazione a “L’amante di Gramigna”, Lettere di Verga a Verdura e Capuana (pp. 361 e ss.)
  • Lettura e analisi delle novelle: “Rosso Malpelo”, “La roba”, “Libertà”,

Lettura integrale de I Malavoglia: la composizione, la struttura e la vicenda, il sistema dei personaggi, il tempo  e lo spazio la lingua, lo stile, il punto di vista, la religione della famiglia e l’impossibilità di mutare stato.



3 SIMBOLISMO E DECADENTISMO IN ITALIA
Linea simbolista
La figura dell’artista e la “perdita dell’aureola” Il dandy e il poeta-vate: il ruolo del poeta nella società europea e italiana di fine ‘800

Charles Baudelaire
Baudelaire e il Simbolismo. La poetica simbolista e la figura del poeta
·         Testi: “L’albatro”; “Corrispondenze”.

Scapigliatura
Il nome e le caratteristiche del movimento,
Testi: Praga, “Preludio”: Tarchetti “Fosca” (solo intreccio)

Gabriele D’Annunzio
Vita e opere, imprese e misfatti: la vita inimitabile di un mito di massa (pp.430-436, 444-446, 462-465). L’ideologia e la poetica. La fasi dell’esteta e del superuomo. Opere: Primo Vere, Il Piacere, Le vergini delle rocce .Le Laudi: struttura, panismo.
  • Lettura e analisi dei testi: “La sera fiesolana” (vv.1-17), “La pioggia nel pineto”, “La prosa notturna

Giovanni Pascoli
La vita: tra il “nido” e la poesia. La poetica del Fanciullino: lettura del testo “Il fanciullino”. Le soluzioni formali. La visione del mondo tra Positivismo e Simbolismo. L’ideologia politica tra socialismo umanitario e nazionalismo. Pascoli e il Decadentismo (pp. 520-526)
Myricae: composizione e titolo; struttura e temi: la natura e la morte, l’orfano e il poeta; la poetica: il simbolismo impressionistico.
  • Lettura e analisi di testi: Myricae: “I puffini dell’Adriatico”, Arano, "Lavandare", “X Agosto”, “Temporale”, “Novembre”, “Il lampo”
  • daCanti di Castelvecchio, "Il gelsomino notturno” da  Poemetti: “Italy”.(capitoli finali)
  • La grande Proletaria s’è mossa Edizione on line del manuale (http://download.pearson.it/archivio/materiali/3036_1353772943.pdf)


4° L’ETÀ DELLE AVANGUARDIE
Crepuscolarismo

Le buone cose di pessimo gusto, i verdi praticelli e i bambini malati che davvero non sono poeti: temi e topos Crepuscolari nella poesia di Corazzini, Govoni, Palazzeschi e Gozzano

·         Testi: Corazzini: “Desolazione di un povero poeta sentimentale”, Gozzano: “Totò Merumeni”, Palazzeschi: “Rio Bo”

Il Futurismo:
Programma e innovazioni formali. Le tavole parolibere (laboratorio e produzione). Le altre avanguardie in Europa (cenni): Espressionismo, Futurismo russo, Dadaismo e il Surrealismo. Apollinaire: i Calligrammi.
·         Testi: F.T. Marinetti “Manifesto del Futurismo”, “Manifesto tecnico della letteratura futurista”, “Bombardamento di Adrianopoli”, “Contro Venezia passatista”
·         Palazzeschi: “E lasciatemi divertire!”, Govoni: “Il palombaro”
Espressionisti e vociani: (p.738-739-740,751)
·         Campana “L’invetriata”, C. Rebora“Nell’avvampato sfasciume” (Prima strofa, http://tesi.cab.unipd.it/53364/1/ANNA_TIEPPO_2016.pdf)

5° PIRANDELLO
La formazione, la visione del mondo:
vitalismo, frantumazione dell’io, rifiuto della socialità, relativismo conoscitivo. Il sentimento della crisi tra Picasso e Pirandello.
Caratteristiche dell'arte umoristica; la differenza tra umorismo e comicità;
Il teatro.
La fase del grottesco: Così è (se vi pare). La fase del metateatro: Sei personaggi in cerca d'autore - struttura, vicenda, significato. Il Teatro nel teatro
  • L'Umorismo:
  • Novelle per un anno:  “Ciaula scopre la luna”, "Il treno ha fischiato”, “La carriola”
  • Sei personaggi in cerca d’autore “La rappresentazione teatrale tradisce…”

6° IL ROMANZO DA PIRANDELLO A ITALO SVEVO
La dissoluzione del romanzo tradizionale – Dall’eroe romantico, al vinto all’inetto

Il fu Mattia Pascal
Lettura integrale del romanzo: la vicenda, i temi, la struttura, il protagonista.

La coscienza di Zeno
Italo Svevo La vita; la fisionomia intellettuale e il rapporto con la scrittura; I primi romanzi.
Lettura integrale del romanzo: la struttura narrativa, la vicenda, i temi, il narratore, il tempo “misto”, l’inettitudine, la funzione straniante, la visione aperta.


7° LA POESIA NOVECENTESCA E ANTINOVECENTESCA
Umberto Saba: La vita e il rapporto con la psicoanalisi. Il Canzoniere: struttura, temi. La poetica dell’onestà.
·         Testi: “A mia moglie”, “La capra”, ”Città vecchia”, “Goal”, “Teatro degli Artigianelli”,“Amai”“Ritratto della mia bambina”, “Mio padre per me...”

Eugenio Montale:
La vita e la formazione. La poetica da Ossi di seppia (significato del titolo; la condizione dell’io; l’”indifferenza” e il “varco”) alla Bufera –  La rivoluzione di Xenia
·         Testi:  daOssi di Seppia “I limoni”, “Non chiederci la parola”, “Meriggiare pallido e assorto”, “Spesso il male di vivere ho incontrato”, “Forse un mattino andando”
·         daLe occasioni:  "Non recidere forbice quel volto"
·         daLa bufera e altro:  "La primavera Hitleriana", “Piccolo testamento”
  • daSatura:  “La storia”, “Ho sceso dandoti il braccio”,"L'alluvione ha sommerso il pack..."
Giuseppe Ungaretti:
La vita e la formazione. La poetica: la religione della parola; l’analogia, l’illuminazione L'Allegria e Sentimento del Tempo.Genesi dell'Allegria

·         Testi da L’allegria:“In memoria”, “Il porto sepolto”, “Fratelli”, “Veglia”, “Sono una creatura”, “I fiumi”, “San Martino del Carso”, “Mattina”, “Soldati”,”Gentile Ettore Serra”
·         daSentimento del tempo: “L’isola”
·         daTerra Promessa: “Cori descrittivi di stati d'animo diDidone”
·         Ungaretti e la parola che scaturisce dal nulla (http://www.doppiozero.com/materiali/ungaretti-la-parola-che-scaturisce-dal-nulla)
Ermetismo
Coordinate geografiche e temporali, caratteri generali e tematiche. 

·         C. Bo, “Letteratura come vita”
·         M. Luzi, “Parca-Villaggio” (fotocopia)
·         Quasimodo: Ed è subito sera”, “Vento a Tindari”,”Alle fronde dei salici”

8° L’ORA DI RIMBOCCARSI LE MANICHE
Il Neorealismo.
Il ritorno dell’impegno in letteratura - Inizio evoluzione e logoramento: le tre fasi del Neorealismo. Caratteri, temi, linguaggio, ideologia. I grandi registi del Neorealismo (http://lacittadellefrottole-q5.blogspot.it/2018/05/la-resistenza-nel-cinema-italiano-dopo.html)


Pasolini
Vita, opere, la questione del dialetto e dell’innocenza, civiltà/natura, borghesia/popolo
I romanzi - Comizi d’amore
I film, l’ultima intervista, “Le 120 giornate di Sodoma”
·         “Le ceneri di Gramsci” (I, IV)
·         Da ScrittiCorsari: “Edonismo di massa e televisione”

Calvino: “Il sentiero dei nidi di ragno” e la trilogia degli antenati

9° OLTRE LA MODERNITÀ

La narrativa oltre il Neorealismo
Bassani, Cassola, Tomasi di Lampedusa
La memorialistica: Primo Levi (Se questo è un uomo - Il sistema periodico)
Mario Rigoni Stern (Il sergente nella neve - Il bosco degli urogalli)
La poesia oltre l’Ermetismo
G. Caproni: “Congedo del viaggiatore cerimonioso”, testi da “Il franco cacciatore”

Neoavanguardia e Postmodernità

I Novissimi e la Neoavanguardia del Gruppo 63. Il rifiuto della letteratura ideologica e della teoria del rispecchiamento, intese come prodotti di una società neocapitalistica Sperimentazione e rinnovamento della lingua "mercificata"
·         Sanguineti "ah il mio sonno", "questo è il gatto con gli stivali"
Caratteri della Postmodernità - Eco: chisono gli apocalittici e gli integrati?
Le infinite linee della lirica contemporanea
·         M. L. Spaziani "Nel cuore di Milano attraversammo"
·         Calvino: la letteratura combinatoria
·         lettura della prima lezione americana: "Leggerezza" http://www.archiviobolano.it/bol_autcit_calvinoleg.html


X - DIVINA COMMEDIA - PARADISO
Il paesaggio del Paradiso, tema della luce e dell’Ineffabilità - Lettura e analisi dei seguenti canti:
  • Oltre la Terra:  I, III,
    Nel Cielo del Sole: X (vv. 64-140), XI la lode di San Francesco, XII - San Bonaventura e la lode di San Domenico X-XII (sintesi),
    Canti di Cacciaguida XV-XXVII (sintesi): XVI vv.1-4 (La nobiltà) - 10-27 (4 domande di Dante) 28-84 (risposte di Cacciaguida) XVII 13-140 (la profezia dell’esilio e la missione di Dante)
Canti della Luce: XXII (vv.124 e ss.-XXIII) XXX, XXXIII





Il Docente
Prof.________________

Post popolari in questo blog

Tempus est iocundum, o virgines...

Progetto Pirandello 
1. Per lunedì vi guardate la puntata:
I grandi della letteratura italiana Luigi Pirandello

2. cliccando qui dovreste essere in grado di inserire una domanda sul quiz Ei Fu dedicato a Mattia Pascal. Poi mercoledì lo facciamo in classe.

http://www.triventy.com/shared/edit/76237



Strumenti per Tesine Grafica moderna in poco tempo
https://spark.adobe.com/
Suite di strumenti costituita da tre applicazioni per la creazione, la pubblicazione e la condivisione sul web di contenuti digitali.Adobe Spark Post: testo + grafica, utile per creare oggetti grafici e grafica per i Social Media come Facebook, Twitter, Instagram, etc. Grazie a Post è possibile realizzare Meme, Poster, Banner, Copertine, Annunci e Inviti, Citazioni, etc.Adobe Spark Page: testo + immagini + video + link, ottimo strumento per creare Storie e Documenti. Con Adobe Page è possibile realizzare Porfolio, Presentazioni, Narrazioni stile digital storytelling, Diari di apprendimento, Relazioni, Catloghi e Repertor…

Lezione V: Primi documenti e primi testi in volgare

Tra latino e italiano: i primi documenti in volgare (da Luzappy.eu e altri) La frantumazione politica dell’Impero romano non distrusse la cultura lati­na, intesa qui come lingua quotidiana; aggiunse invece elementi nuovi, per trasformare sempre più, nonostante la volontà frenante della scuola e dei grammatici, il sistema linguistico. Anche i Longobardi furono veicolo di novità, fin quando nel 774 Carlo Magno li sconfisse, per poi rifondare l’impero, volendo ricom­porre l’unità politica, religiosa, culturale (e, perciò, linguistica). Ma una lingua non si impone; il popolo, disperso nelle campagne dei feudatari o accolto nelle corti, continuò a sentire sempre più incomprensibile il latino, che proprio per la riforma carolingia, diventava «altra lingua» rispetto a quella parlata dalle masse ed ormai era soltanto la lingua ufficiale della Chiesa e del Palazzo imperiale. 
Il Concilio di Tours (813) prese coscienza della diversità della lingua del popolo, quando raccomandò ai vescovi la pre…

Vita quotidiana nell'antico Egitto

Questa è la stagione Akhet, il tempo delle piene. Questo è il regno di Ramesse III e la vita, qui a Karnak è sempre più dura.
Sono uno scriba, ma so com’è la vita di un lavoratore. I miei genitori erano contadini, ricordo a malapena la mia infanzia, e, per quel poco che rammento non ho bei ricordi.
Non avevamo soldi poiché il raccolto fatto dai miei genitori, e da tutti gli altri contadini veniva confiscato dallo Stato.
Non godevamo della bella vita che facevano i faraoni con tavole piene di carne, vino e birra, per noi l’alimentazione era scarsa e questo portava a malattie come l’epatite.
I miei genitori morirono quando io e i miei fratelli eravamo ancora piccoli. Ci separarono, mi adottò una famiglia benestante, che mi diede la possibilità di andare a scuola e diventare quello che sono oggi, uno scriba.
Da allora non so più niente dei miei fratelli, non so se sono vivi o morti, se sono sposati e se hanno figli.
Mi piaceva andare in giro per la città di Akhet, avevo familiarizzato con la g…